Home  |  Forum  |  Chi Siamo  |  Contatti
 

• Ambiente e archeologia
• Costruito storico e architettura
• Conservazione, restauro e valorizzazione dei BB.CC. mobili
• Impiantistica, Organizzazione e gestione delle strutture museali
• Applicazione delle nuove tecnologie informatiche e telematiche ai BB.CC.AA.
• Gestione e valorizzazione del territorio
• Diffusione ed integrazione dell'innovazione

   
     
 
 

 

 

Laboratorio di Sedimentologia

 

 

 
 

 

Il Laboratorio di Sedimentologia è una struttura attrezzata per la realizzazione di Analisi Sedimentologiche di sedimenti sciolti e rocce lapidee.

Queste tipologie di analisi, di supporto alla caratterizzazione geologica del territorio, possono anche integrare altri studi connessi alle problematiche geo-ambientali.

 

Presso il Laboratorio di Sedimentologia vengono realizzate Analisi Granulometriche, ovvero studi sulle dimensioni e la distribuzione dei granuli in una roccia clastica o in un suolo fornendo uno strumento per la comprensione del comportamento idraulico dei clasti in differenti fluidi in movimento, dei processi di trasporto e sedimentazione e sulle qualità agronomiche di un suolo. Si effettua espletando cinque fasi principali: campionatura, preparazione del campione, analisi di laboratorio, elaborazione ed utilizzazione dei dati.

La scelta del metodo da utilizzare per l’analisi granulometrica è funzione della quantità di materiale raccolto, delle dimensioni medie dei granuli che costituiscono il sedimento, del tipo di campione e dello scopo dell’analisi.

 

Per la campionatura il Laboratorio è dotato di:

  • Carotiere cingolato a doppio liner con motore a scoppio per la realizzazione di sequenze di carotaggio fino a 5-7 m di profondità dotato di un martello perforatore, una saldatrice a caldo per tubi in polietilene, casse per il trasporto e l’archivio delle carote;
  • Benna tipo “Van Veen”, modello leggero (3 Kg) per uso manuale, utilizzabile anche da piccole imbarcazioni, efficace su fondali sabbiosi là dove le normali tecniche di carotaggio risultano inefficienti.

 

La preparazione delle carote prelevate è realizzata attraverso l’utilizzo di:

  • Sega a nastro, per l’apertura longitudinale della carota, completa di corsia a “V” per lo scorrimento della carota;
  • Tavolo per la descrizione e la campionatura delle carote, completo di metro con nonio scorrevole e lampada con lente d’ingrandimento incorporata.

Per il trattamento dei sedimenti sciolti sono disponibili:

  • Stufa completa di display digitale, termostato di sicurezza e ventilazione forzata;
  • Bilancia di precisione “Gibertini” da 500 g;
  • Setacciatore“Retsch” con sequenza setacci (da 2 a 1/16 mm);
  • Quartatore zincato a 12 canali;
  • Pulitore a Ultrasuoni;
  • Pompa da vuoto.

 

Inoltre il Laboratorio è provvisto di apparecchiature per la realizzazione di Sezioni Sottili di rocce lapidee, per analisi micropaleontologiche e petrografiche e per la presenza di inclusioni fluide, nonché per lo studio di pietre ornamentali.

Pertanto il laboratorio è dotato di una troncatrice per la preparazione di lastre (slab), associate ad un set di lappatrici per l’assottigliamento uniforme dei campioni ed una smerigliatrice per la lucidatura campioni e/o delle sezioni.

La dotazione è completata da piccole strumentazioni di corredo (piastra riscaldante, bagno a ultrasuoni, stereomicroscopio ottico a luce polarizzata), di supporto alla produzione e/o all’analisi (osservazione) delle sezioni sottili.

Torna sopra